Albero della Conoscenza

Share the love of meditation…Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on StumbleUpon

Il sistema sottile Il sistema sottile umano è abbastanza intricato, costituito da migliaia di canali che trasportano l’energia attraverso tutto il corpo. Le concentrazioni di energia del sistema sottile sono chiamate chakras (“ruote” in sanscrito) o centri di energia. L’intero sistema è governato da tre canali primari di energia e da sette chakras principali. Il nostro sistema sottile si attiva completamente solo con il risveglio della Kundalini che pulisce e riequilibra l’intero sistema e illumina le qualità pure del chakra in noi. I Chakra revised-chakra-chart Ci sono 7 chakra principali nel nostro sistema sottile che sono responsabili del nostro benessere fisico, emozionale e spirituale. I loro nomi sono: 1. Mooladhara Chakra (chakra della Radice) 2. Swadisthan Chakra 3. Nabhi Chakra 4. Anahat Chakra (chakra del Cuore) 5. Vishuddhi Chakra 6. Agnya Chakra 7. Sahasrara Chakra (chakra della Sommità). Quando la Kundalini si risveglia, inizia a pulire e illuminare questi chakra. Così le qualità di questi chakra iniziano a manifestarsi nella nostra vita quotidiana, rendendoci più equilibrati e integrati. Nel diagramma i centri di energia (o chakra) sono rappresentati da cerchi di diverso colore, posti lungo la spina dorsale. La consapevolezza di questi centri ci fornisce una visuale estremamente oggettiva su noi stessi. Non pensiamo che “abbiamo questo o quel problema” ma percepiamo l’origine dei nostri problemi sulla punta delle dita. Abbiamo una grande capacità di razionalizzare le nostre esperienze, di giustificare le nostre azioni attraverso il potere della mente. Attraverso il conseguimento della consapevolezza vibratoria e la meditazione Sahaja siamo capaci di valutare in maniera molto più attendibile il nostro stato interiore. In breve: cominciamo a “conoscere noi stessi”. chakras on handIn modo sorprendente ogni problema che abbiamo, sia esso fisico, mentale, emotivo o spirituale, possiamo collegarlo ai disordini, detti anche “catch”, dei nostri centri energetici. Nell’immagine a destra si nota che i colori rappresentati sulle mani corrispondono ai colori dei chakra: ad esempio, il pollice è di colore giallo e corrisponde al colore del secondo centro di energia alla base del cerchio verde nello schema del sistema sottile. Inoltre, se riusciamo a “pulire” questi centri d’energia, significa di fatto che siamo in grado di curarli. Sono stati pubblicati diversi articoli su riviste scientifiche che dimostrano l’effettivo funzionamento di questo approccio. Kundalini La Kundalini è rappresentata come una spirale, tra i centri rosso e giallo, allo stato potenziale. Essa iace allo stato dormiente in ogni essere umano finchè non viene risvegliata. A questo punto, inizia il suo viaggio attraverso i centri di energia e passa attraverso della fontanella sulla sommità della testa. E’ interessante notare che fontanella significa “piccola fontana”, proprio come se descrivesse l’effetto a fontana della Kundalini. Quando ciò accade, la persona raggiunge lo stato di Realizzazione del Sè.

arrow Cosa dovrei fare dopo?

Master your meditation skills
Onlinemeditation.org is provided for free by VND Educational Society (non-profit)